Come gestire le password pquadro Gennaio 20, 2021

Come gestire le password

Tra app, negozi online, social network e siti di vario genere, ogni giorno dobbiamo destreggiarci fra decine di account, ognuno dei quali con credenziali d’accesso differenti. È davvero un’impresa ricordarsi tutto a memoria, vero? Come non essere d’accordo, ma è per questo che sono nati i password manager.

I password manager, qualora non ne avessi mai sentito parlare, sono dei programmi che permettono di memorizzare nomi utente, password, dati di carte di credito e altre informazioni sensibili proteggendo il tutto con una password. Basta ricordarsi quella sola password e il gioco è fatto: in un paio di clic si ha accesso a tutte le credenziali d’accesso dei propri account, non solo sul PC, ma anche su smartphone e tablet.

Comodo, vero? Scommetto che vorresti saperne di più. Allora prenditi cinque minuti di tempo libero, mettiti bello comodo e scopri come gestire password al meglio grazie ai software che sto per consigliarti. Ti assicuro che una volta rotto il ghiaccio con le soluzioni di questo tipo è davvero difficile farne a meno, anzi, molto probabilmente ti chiederai come hai fatto a vivere finora senza usarne una!

Tomorrow is the most important thing in life. Comes into us at midnight very clean. It's perfect when it arrives and it puts itself in our hands. It hopes we've learned something from yesterday.

JOHN WAYNE

Gestire le password in maniera efficiente è inutile se poi non si utilizzano delle password sicure e non si hanno delle buone abitudini in termini di sicurezza informatica. Prima di entrare nel vivo del tutorial, lascia dunque che ti segnali qualche “regoletta” su come scegliere le password giuste e come comportarsi quando si deve creare o gestire un account online.

  • Usa una password lunga e difficile da indovinare – le password non devono avere un senso compiuto (in quanto con degli appositi dizionari sarebbero molto semplici da individuare, anche se lunghe), devono essere composte da almeno 15-18 caratteri e devono contenere lettere minuscole, lettere maiuscole, numeri e caratteri speciali (ad esempio punti esclamativi, asterischi o parentesi). Se vuoi facilitarti la vita, puoi generare delle password sicure usando i programmi per gestire password che sto per consigliarti.
  • Non usare la stessa password su più siti, app o servizi – utilizzare la stessa password su più di un sito, un servizio o una app è un vero e proprio suicidio in termini di sicurezza informatica. Questo perché l’eventuale scoperta della password su un account renderebbe facilmente attaccabili gli altri account che usano la stessa password.
  • Di tanto in tanto, cambia le tue password – indipendentemente dal loro grado di sicurezza, le password andrebbero cambiate con una certa frequenza (ogni paio di mesi ad esempio). Questa semplice abitudine complica la vita ad eventuali malintenzionati e, in caso di attacchi ai siti o ai servizi online ai quali sei registrato, ti permetterà di mantenere il tuo account al sicuro (in quanto la password eventualmente trapelata non corrisponderà più a quella di accesso del tuo account).
  • Attiva l’autenticazione a due fattori – ormai moltissimi siti e servizi online, come Google, Facebook, Microsoft, Apple ecc. offrono la possibilità di attivare l’autenticazione a due fattori. Qualora non ne avessi mai sentito parlare, l’autenticazione a due fattori è una misura di sicurezza che permette di associare dei codici di sicurezza temporanei alle password dei propri account. Dopo averla attivata, per accedere al proprio account da un nuovo device o un nuovo browser, bisognerà inserire non solo la password del proprio account, ma anche un codice di sicurezza usa-e-getta ricevuto via SMS. Questo significa che anche rubandoti la password, i malintenzionati non riusciranno ad accedere ai tuoi account perché protetti da dei codici che riceverai solo tu sul tuo cellulare.
1 commento
  • Rispondi
    Marzo 11, 2021, 6:26 am

    Lorem ipsum is simply dummy text of the printing and typesetting industry. Lorem ipsum has been the industry’s standard dummy text ever since the make a type specimen book.

Rispondi a Herman Miller Annulla risposta
Your email address will not be published. Required fields are marked *